Edil D'Arco – "La nostra esperienza al vostro servizio"
Edil D'Arco – "La nostra esperienza al vostro servizio"

Come Verniciare i Termosifoni: Consigli su vernice e tecniche di pittura

Condividi se ti è piaciuto! :)

pennello per radiatori

I caloriferi, comunemente detti termosifoni, sono ancora oggi il sistema di riscaldamento più efficace e diffuso nelle nostre case. Nonostante non richiedano una particolare manutenzione, sono comunque soggetti a scrostamenti di vernice, macchie di ruggine o in caso di ammodernamento della casa, non più in tinta con il resto dell’arredo. Se sei un amante del fai da te, con la nostra guida riuscirai a verniciare i termosifoni in autonomia, risparmiando un bel po’ di soldi. Ti consiglieremo i prodotti e gli strumenti giusti che ti consentiranno di farli ritornare come nuovi. Inoltre ti aiuteremo a scegliere la vernice per termosifoni più adatta e ti sveleremo le tecniche dei professionisti per verniciare velocemente e con ottimi risultati anche se non sei un esperto.

Dipingere i termosifoni: quale vernice usare?

verniciare termosifoni

Il periodo migliore per dedicarti a questo tipo di lavori di manutenzione è sicuramente la primavera/estate, ovvero quando i caloriferi sono spenti e non ne avrai bisogno per mesi. Il primo interrogativo da porsi, riguarderà quale vernice utilizzare. In commercio sono disponibili vari tipi di smalto, ma i prodotti giusti sono gli smalti ad acqua specifici per termosifoni. Infatti questa tipologia di pittura professionale, possiede alcune caratteristiche fondamentali sia per la resa che per la salute di chi vive nella casa, nell’ufficio o nell’hotel. Lo smalto per termosifoni infatti deve essere:

  • termoresistente;
  • sopportare gli sbalzi termici;
  • non ingiallire con il calore;
  • non deformarsi o fare bolle;

Non utilizzate smalti e vernici “generici”, il nostro consiglio è di impiegare esclusivamente lo smalto per termosifoni ad acqua specifico, perché non rilascia odori chimici, ne durante il trattamento, ne quando il calorifero sarà acceso e rovente, inoltre questa tipologia di prodotto ha delle peculiarità che ne rendono facile l’applicazione e quindi può essere utilizzato anche da chi non ha alcuna dimestichezza con il fai da te. Lo smalto per radiatori, infatti, non gocciola, non cola quando lo stendi e copre efficacemente sia la superficie che gli angoli. Questa specifica vernice per termosifoni ha anche tempi di asciugatura rapidi e quindi puoi procedere nel lavoro senza attendere troppo tra una mano e l’altra.

Come Verniciare i Termosifoni: Pennello o Spray?

I termosifoni possono essere verniciati sostanzialmente in due modi, con lo smalto abbinato al classico pennello per radiatori o con la vernice spray, ma soprattutto dovrai decidere se smontare i radiatori dal muro o verniciarli senza rimuoverli.

Il nostro consiglio, per ottenere un lavoro ottimale, è di staccare il termosifone dalla parete, per poter procedere ad una verniciatura completa anche della parte posteriore. Rimuovere il termosifone non è un’operazione complessa, è sufficiente svitare i dadi che lo collegano alle tubature per poi sfilarlo dalle staffe che lo sorreggono. L’unica accortezza da avere è di svuotare l’impianto, altrimenti rischi di fare un lago in casa.

smalto per caloriferi fernovus

Verniciare con Pennello e Smalto per Termosifoni

Occorrono due tipo di pennello per verniciare un termosifone:

Se i termosifoni sono in acciaio o in alluminio con superficie regolare e corpo unico, il lavoro sarà sicuramente molto più semplice, se invece è composto da diversi elementi riscaldanti separati, come con i più datati termosifoni in ghisa, il lavoro risulterà un po’ più complesso per via delle tante parti interne da raggiungere. Inoltre per ottenere un buon lavoro, dovrai necessariamente staccare il termosifone dal muro, sarebbe impossibile, con il pennello, raggiungere tutti i punti interni e posteriori.

Lo smalto ad acqua specifico per termosifoni aderisce con facilità e le sue caratteristiche compositive gli danno un’elevata resistenza alla dilatazione, consentendo di sopportare le escursioni termiche senza che si formino screpolature. Verniciare i caloriferi con smalti ad acqua e pennello richiede una maggiore dose di pazienza, tuttavia questo è il metodo per ottenere il migliore dei risultati.

smalto spray per verniciare i termosifoni

Verniciare con lo Smalto Spray per Termosifoni

Se invece hai deciso di utilizzare lo smalto spray per termosifoni, il lavoro sarà più semplice e rapido, ma dovrai avere comunque alcune accortezze, ad esempio la vernice spray è molto volatile, quindi c’è il rischio di macchiare le superfici circostanti. Se puoi, cerca di lavorare lontano da mobili, tende e pareti. L’ideale, come con smalto e pennello, sarebbe di collocare i radiatori su un piano di lavoro in modo da eseguire la smaltatura comodamente e senza sporcare.

Ma se applicate le dovute precauzioni, coprendo con nastro carta e teli in cellophane l’area circostante, il vantaggio dello smalto spray è senza dubbio quello di poter verniciare senza dover staccare il termosifone dal muro, riuscendo a raggiungere anche i punti più nascosti grazie allo spray.

Ruggine sui termosifoni: Come procedere?

macchie di ruggine sul termosifone

Se il termosifone è molto vecchio e magari è collocato in un ambiente umido e poco areato potrebbe presentarsi la tanto odiata ruggine, che oltre ad essere antiestetica è anche insalubre per le persone che vivono in quell’ambiente. A prescindere dal tipo di smalto per termosifoni che hai deciso di utilizzare, ricorda che se la ruggine è presente non puoi procedere subito con la pittura, è necessario prima rimuovere la ruggine con una spazzola di ferro.

Individua tutte le aree intaccate dalla ruggine, anche quelle più piccole non vanno trascurate perché la ruggine svolge un’azione corrosiva che con il tempo rovina irrimediabilmente il radiatore. Naturalmente la ruggine deve essere superficiale, l’elemento non deve essere rovinato o crepato, nel caso sia compromessa la tenuta stagna ti consigliamo di sostituirlo.

Terminata la fase di “spazzolamento”, procedi ad eliminare i residui di polvere servendoti di un pennello o di una bomboletta di aria compressa o di un aspirapolvere (ricorda di indossare una mascherina per non respirare le polveri sottili prodotte). Solo dopo questa operazione puoi dare una mano di fondo antiruggine e lasciare che asciughi completamente prima di stendere lo smalto per radiatori scelto.

Guida Fai da Te: Come dipingere i termosifoni, gli step per un ottimo lavoro

Arrivati al momento di verniciare i termosifoni quello che occorre sono i consigli pratici da chi fa questo lavoro quotidianamente. Ecco quindi alcuni suggerimenti sulle tecniche da adottare e sugli accessori da acquistare: sono tutti facilmente reperibili dai nostri link e ti consentono di eseguire un lavoro a regola d’arte:

Consiglio furbo prima di acquistare: se non lo hai già fatto, consigliamo ai nostri clienti interessati ad acquistare di attivare Amazon Prime, per avere i massimi privilegi, come la consegna gratis e in 1 giorno, accesso in anteprima alle offerte lampo, resi e rimborsi agevolati e Prime Video per avere film e serie tv incluse. Tutto questo gratis per 30 giorni poi sei libero di disdire, ma siamo sicuri che non potrai farne a meno.

Gli step per ottenere un lavoro fatto bene, che duri nel tempo e dia una nuova vita ai tuoi termosifoni, sono i seguenti:

  1. I termosifoni devono essere freddi: il lavoro dovrebbe essere svolto in primavera, ma se non puoi aspettare e necessiti di intervenire quando il riscaldamento è in funzione, puoi farlo dopo aver chiuso la valvola e atteso che i caloriferi si siano completamente raffreddati. Una volta freddi puoi procedere, ma ricorda che la superficie che andrai a verniciare deve essere integra e pulita. Se lo smalto è rovinato e scrostato è opportuno eliminarlo con sverniciatura o sabbiatura;
  2. Preparare l’area di lavoro: se temi di sporcare mobili e suppellettili perché non puoi smontare i termosifoni dalla parete, allora devi proteggere la parete retrostante ed eventuali tende e mobili con teli in plastica da fissare con il nastro carta. La stessa operazione deve essere fatta anche sul pavimento e sul battiscopa. Una volta preparata l’area in cui lavorare pulisci il radiatore con cura per rimuovere polvere e detriti, per farlo è sufficiente servirsi di un panno inumidito;
  3. Trattamento antiruggine: se è presente della ruggine procedi a spazzolare e pulire la superficie e poi applica una mano di fondo antiruggine. Una volta conclusa la preparazione puoi cominciare con la verniciatura. Ti consigliamo di iniziare dai lati del termosifone, prosegui con il fondo e termina dipingendo la parte frontale;
  4. Applica sempre due mani: lo smalto ad acqua per termosifoni deve essere dato due volte, devi cioè passare due mani di colore facendo attenzione alla quantità che applichi, non devono formarsi zone in cui la vernice è più spessa, anzi, devi avere l’accortezza di stendere un film sottile di smalto, uno spessore eccessivo potrebbe fare da isolante, diminuendo l’efficienza energetica del termosifone. Infine, prima di procedere con la seconda mano di colore, assicurati che la prima mano sia completamente asciutta.
Come Verniciare i Termosifoni: Consigli su vernice e tecniche di pittura ultima modifica: 2022-08-19T11:11:14+02:00 da bossuccio

Condividi se ti è piaciuto! :)